Comprare casa a Perugia senza pagare l’agenzia

“Come non pagare l’agenzia immobiliare” è il titolo di un articolo in cui mi sono imbattuto in rete poco tempo fa.

L’articolo è interessante ed ha indubbiamente un nobile intento, io stesso quando sento i racconti che mi fanno alcuni miei clienti mi domando con che diritto certi  sedicenti agenti immobiliari chiedono soldi per prestazioni a voler essere buoni quasi inesistenti.

Tuttavia l’articolo in questione  contiene diverse inesattezze che voglio approfondire per dare, come cerco di fare sempre, una corretta informazione alle persone che vogliono comprare casa.

Analizziamo cosa c’è di corretto e cosa, invece, lo è meno.

(A questo link trovi l’articolo integrale :https://www.laleggepertutti.it/232123_come-non-pagare-agenzia-immobiliare.)

In corsivo leggerai il contenuto pubblicato dall’autore Adele Margherita Falcetta, di seguito le mie considerazioni:

“Hai appena acquistato casa. Dopo lunghe trattative con il venditore, le cose non sono andate esattamente come avresti sperato, perché a tuo avviso il prezzo avrebbe potuto essere più basso. Alla fine ti sei deciso a comprare, perché quell’appartamento ti piaceva veramente tanto e sarebbe stato un peccato perderlo.

Però, a tuo avviso, l’agente immobiliare coinvolto in questa vicenda non ha svolto bene il suo ruolo: più di una volta hai avuto la sensazione che cercasse di favorire il venditore.”

Questa sensazione, la maggior parte delle volte che compri casa con un’agenzia immobiliare tradizionale, corrisponde a quanto accaduto realmente.

Ecco come lavora un’agenzia immobiliare:

“1. Si rivolge a tutte le persone che vogliono vendere casa per proporre i propri servizi: pensa a quante volte un agente immobiliare ti ha chiamato, o suonato al citofono, chiedendoti se pensavi di vendere casa 

2. Una volta ottenuto l’incarico di vendita, mette la casa in pubblicità sui vari canali di promozione.

3. Comincia a fare le visite con vari potenziali acquirenti.

4. Cerca di convincere uno dei potenziali acquirenti che quella casa perfetta per lui e a fare un’offerta.

5. Ritira l’offerta e la discute con il proprietario.

6. Conclude il suo lavoro compiendo una serie di accertamenti e verifiche e facendo in modo di arrivare serenamente alla firma del contratto davanti al notaio; questo punto vale soltanto se hai trovato un agente immobiliare bravo, gli altri tendono a sparire magicamente dopo la firma del compromesso e aver incassato le provvigioni.”

Il punto che ci interessa in maniera particolare è il numero 5.

Quando un agente immobiliare prende un incarico generalmente lo fa ad una cifra che non scontenti il proprietario, perché in caso contrario il venditore gli dirà che non gli affida la vendita della casa.

A questo punto ci sono due possibilità:

• L’agente immobiliare bravo prova a spiegare al venditore che la cifra richiesta è impossibile da ottenere e, se non riesce a convincerlo, rifiuta l’incarico

• L’agente immobiliare meno bravo prende comunque l’incarico e mette in pubblicità la casa sperando di trovare una persona disposta a pagarla più di quanto vale realmente

Dopo questa premessa, torniamo alla sensazione di aver pagato la casa più di quanto vale.

Quando l’agente immobiliare ha capito che la casa ti piace veramente cercherà di farti firmare una proposta al un prezzo il più vicino possibile a quello richiesto.

Perché lo fa, quando dovrebbe essere un “mediatore” super partes e fare gli interessi di entrambi?

Perché molti agenti immobiliari, soprattutto quelli meno bravi, lavorano mediando soltanto con il loro portafogli e, facendoti firmare una proposta al prezzo richiesto dal proprietario, sono praticamente sicuri di chiudere la trattativa ed incassare. 

Proprio per questo è necessario avere al tuo fianco un professionista immobiliare che lavori per te, nel tuo interesse, che faccia un’analisi di mercato per stabilire il valore corretto della casa che stai comprando e ti aiuti a fare un’offerta coerente.

L’articolo continua così:

“Sei convinto che non meriterebbe la provvigione e ti chiedi come non pagare l’agenzia immobiliare. In questo articolo ti spiegherò quali sono i casi in cui si può legittimamente rifiutare tale pagamento.

È molto difficile, se ti sei rivolto ad un agente immobiliare per comprare casa, che tu riesca a non pagare la provvigione.

L’agente immobiliare, o mediatore, svolgere un’attività professionale, nella quale mette in contatto due o più parti, interessate a concludere un affare avente per oggetto degli immobili.

Può trattarsi della vendita di una casa o di un terreno, oppure di un affitto. Se l’affare viene concluso grazie all’attività compiuta dall’agente, questi avrà diritto al pagamento di un compenso.

L’agente immobiliare è un professionista:

Pertanto deve svolgere la sua attività professionalmente e imparzialmente, in modo del tutto indipendente dalle parti, documentandosi in modo adeguato rispetto alla natura e all’oggetto dell’affare che queste intendono concludere.

Se, ad esempio, si tratta della compravendita di un appartamento, il mediatore dovrà essere aggiornato su tutte le norme che possono essere applicate nel caso specifico, e cercare diligentemente di informarsi sulle condizioni dell’immobile”.

Qui troviamo la prima inesattezza: l’agente immobiliare non è un professionista, come ad esempio lo sono i geometri o gli avvocati, infatti non ha un Albo; è un commerciante che, data l’importanza del lavoro che svolge, si dovrebbe comportare come un professionista.

Questo è il problema più grosso che incontra una persona che vuole comprare casa: non sa se di fronte a sé ha un professionista o un apri-porte.

Fortunatamente oggi, grazie ad internet, è possibile riuscire a reperire testimonianze o recensioni sull’operato delle agenzie immobiliari. (le mie le puoi leggere qui: https://marcoceresara.com/dicono-di-me/)

Il consiglio che mi sento di darti è quello di non scegliere la casa, ma la persona che ti aiuterà a trovarla ed acquistarla.

Poi prosegue:

“Il compenso per l’agenzia immobiliare

Il compenso dovuto all’agenzia immobiliare prende il nome di provvigione.

L’importo di quest’ultima è una percentuale sul prezzo, stabilita dall’accordo tra le parti, o, in mancanza, dalle tariffe professionali o dagli usi locali. Sia per le tariffe (se esistenti) che per gli usi è possibile attingere informazioni presso la Camera di Commercio del posto. Il pagamento della provvigione grava su entrambe le parti, salvo accordi diversi.

Questo paragrafo è corretto.

Chiedi sempre all’agente immobiliare che hai davanti se dovrai pagarlo.

Casi in cui si può non pagare l’agenzia immobiliare

Ci sono dei casi in cui è possibile non pagare la provvigione al mediatore.

Eccoli:

1 – Quando esercita abusivamente questa attività.

“L’agente immobiliare ha diritto a ricevere il pagamento della provvigione quando risulta regolarmente iscritto al registro delle imprese presso la Camera di Commercio.”

Se una persona non è abilitata a svolgere il lavoro di agente immobiliare non ha diritto a chiedere una provvigione.

Attenzione ad un particolare:

Se chi ti accompagna a vedere la casa non è un agente immobiliare abilitato, ma la trattativa si svolge con un agente immobiliare, la provvigione deve essere corrisposta.

2 – Se ha svolto il suo mandato in maniera poco professionale, in particolare venendo meno all’obbligo dell’indipendenza e della correttezza.

“L’agente immobiliare, innanzitutto, non può avere con le parti nessun rapporto che possa far dubitare della sua neutralità: quindi non può svolgere il suo mandato se si trova in rapporto di dipendenza, di collaborazione o di rappresentanza con una delle parti. 

Concetto sacrosanto sul quale sono più che d’accordo ma estremamente difficile da dimostrare.

3 – Se non ha comunicato alle parti circostanze e fatti determinanti ai fini della  loro decisione.

“Secondo quanto previsto dalla legge, il mediatore deve comunicare alle parti tutte le situazioni e le circostanze, di cui è a conoscenza, che possono influire sulla conclusione dell’affare, consentendo alle parti un’obiettiva valutazione circa la convenienza di esso.

Pertanto, innanzitutto deve essere ben documentato sulle condizioni di fatto e di diritto dell’immobile che forma oggetto della trattativa.

Per condizioni di fatto si intendono lo stato dell’immobile, la presenza di eventuali guasti non immediatamente rilevabili con una visita superficiale, o altre particolari problematiche, legate alla struttura o agli impianti, di cui egli possa venire a conoscenza usando l’ordinaria diligenza.

Per condizioni di diritto si intendono particolari situazioni di natura giuridica, che incidono sul godimento dell’immobile:

Ad esempio l’esistenza di servitù oppure di ipoteche. Situazioni, queste, di cui l’acquirente verrebbe comunque a conoscenza, ma delle quali deve essere subito reso edotto, perché potrebbero influire sulla sua decisione;”

Come detto l’agente immobiliare è un mediatore quindi tutte le dichiarazioni relative agli impianti sono rese dal venditore. Il consiglio che do sempre è di far ispezionare la casa che ti piace da persone di tua fiducia, che ti diranno le cose che vuoi sapere possibilmente prima di fare una proposta di acquisto.

4 – Se ha fornito alle parti informazioni imprecise, inesatte o non veritiere.

“La legge impone al mediatore immobiliare un comportamento corretto e diligente, oltre all’obbligo di informare le parti, che abbiamo appena esaminato. 

Ugualmente, l’agente immobiliare non avrà diritto al compenso se, incaricato da una delle parti di assumere specifiche informazioni, non l’abbia fatto, oppure lo abbia fatto in maniera superficiale, acquisendo notizie inesatte.

Si pensi al caso di chi vuole acquistare un terreno, e, avendo rilevato in esso la presenza di una strada, chieda al mediatore di informarsi se su quest’ultima gravi una servitù a favore dei terreni confinanti. Il mediatore risponde negativamente, ma l’acquirente apprende, davanti al notaio, che l’informazione è inesatta: se lo avesse saputo, avrebbe insistito per pagare un prezzo inferiore.

Anche in questo caso è possibile non pagare l’agente immobiliare;”

Premesso che faccio tutte le verifiche riguardanti la conformità urbanistica e catastale, oltre a quelle relative alla situazione condominiale e a qualsiasi altro problema che potrebbe incidere sulla vendibilità della casa, anche questo paragrafo non è corretto.

Il concetto di diligenza professionale è molto vago e molti aspetti non sono di competenza dell’agente immobiliare, che ha soltanto “l’obbligo di informare le parti sugli aspetti a lui noti o conoscibili”.

Tanto per essere chiari, neanche il notaio verifica che la casa che stai comprando sia regolare dal punto di vista urbanistico, cioè che sia stata costruita rispettando i progetti depositati in Comune.

Consiglio: chiedi sempre una relazione tecnica di conformità urbanistica, redatta da un geometra, architetto o ingegnere.

5 – In caso di dissenso di una delle parti ad avvalersi dei servizi dell’agenzia immobiliare.

“Nella maggior parte dei casi, all’agente immobiliare viene conferito un incarico da una delle due parti.

Ad esempio, una persona che intenda vendere una casa si reca presso un’agenzia immobiliare esponendo la sua esigenza, e incarica in modo formale l’agente, con un contratto scritto, di cercare un acquirente. Se l’agente trova una persona interessata all’acquisto della casa, la mette in contatto con l’aspirante venditore; se il potenziale acquirente trova l’immobile di suo gradimento, accordandosi anche per quel che riguarda il prezzo, l’affare si conclude.

Spesso l’acquirente sarà una persona che, a sua volta, si è recata presso l’agenzia immobiliare, prospettando la sua esigenza di acquistare una casa con determinate caratteristiche.

Altre volte, però, succede che il mediatore, senza aver ricevuto alcun incarico da nessuna delle parti, conoscendo le loro rispettive esigenze, le metta in contatto per la conclusione dell’affare.

Molti mediatori usano leggere gli annunci immobiliari pubblicati sui giornali specializzati della loro zona: così può accadere che una persona che ha pubblicato un annuncio finalizzato alla vendita o all’affitto di una casa, sia chiamata da un agente, che gli propone la visita dell’immobile da parte di un potenziale acquirente.

In questo caso e in altri simili, la parte che non ha richiesto il servizio dell’agenzia immobiliare può manifestare il proprio dissenso rispetto all’intervento del mediatore.

La parte che ha espresso il dissenso non è tenuta al pagamento della provvigione;”

Il Codice Civile dice che l’agente immobiliare ha diritto alla provvigione se, grazie alla sua opera, le parti da lui messe in contatto concludono l’affare.

Quindi se vai a vedere una casa con un agente immobiliare sappi che dovrai pagare. Se non vuoi pagare la provvigione hai due possibilità:

• Non andare a cercare casa con un agente immobiliare.

• L’unica figura obbligatoria nel processo di compravendita di una casa è il notaio quindi puoi acquistarla o venderla anche senza avvalerti di un’agenzia immobiliare.

Metti per iscritto con l’agente con cui andrai a vedere la casa che tu non gli pagherai nulla neanche in caso di conclusione dell’affare. Sappi che in questo caso l’agente immobiliare potrebbe rifiutarsi di fartela vedere perché non vuole lavorare gratis per te.

6 – Se il contratto è concluso dopo la scadenza del mandato.

“Di norma, l’incarico conferito all’agenzia immobiliare ha una scadenza. Se l’affare viene concluso dopo questo termine finale, ma le trattative sono iniziate in data anteriore, la provvigione va regolarmente pagata; ma se le parti si sono incontrate dopo la scadenza dell’incarico non devono nulla;”

Una precisazione: se tu ti rivolgi al venditore dopo la scadenza dell’incarico quanto detto sopra è vero, ma se hai visto la casa con l’agenzia non puoi aspettare che scada l’incarico per evitare di pagare le provvigioni perché lo dovresti fare comunque.

7 – Se nell’incarico è precisato che il compenso è dovuto soltanto per i contratti andati a buon fine.

“La regola è che l’agente immobiliare deve essere pagato per il fatto stesso di aver messo in contatto le parti interessate alla conclusione del contratto, e di aver posto le basi per la conclusione dell’affare.

E infatti la giurisprudenza ritiene che il mediatore ha diritto al pagamento della provvigione già al momento della stipula del contratto preliminare di vendita. Quest’ultimo è un accordo, stipulato forma scritta, con il quale le parti si obbligano, rispettivamente, a vendere e a comprare un determinato immobile.

L’acquirente, a dimostrazione della serietà dell’impegno assunto versa al venditore una somma, che viene detta caparra confirmatoria.

Se l’acquirente dovesse cambiare idea senza alcuna valida ragione, il venditore avrebbe diritto a trattenere la caparra; viceversa, se dovesse essere il venditore a tirarsi indietro immotivatamente, dovrebbe corrispondere all’acquirente il doppio della caparra ricevuta.

Niente da obiettare, anche perché voglio pensare che un agente immobiliare serio faccia stipulare un preliminare di compravendita soltanto se ci sono le condizioni per concludere.

In oltre 15 anni di lavoro non mi è mai successo che dopo la firma del compromesso non si sia arrivati al rogito per problemi che non hanno permesso di concludere.

Come avrai letto i casi in cui puoi comprare casa con un’agenzia immobiliare senza dover pagare la provvigione sono praticamente zero.

Sono d’accordo che alcuni agenti immobiliari non meritino le migliaia di Euro che si mettono in tasca, a discapito dei clienti, per il pressappochismo che mettono nel loro lavoro.

Concludo con un consiglio: invece di scegliere la casa, per poi dover subire l’agente immobiliare che ne promuove la vendita, scegli un professionista che ti segua nell’acquisto più importante della tua vita.

Vuoi sapere come funziona?

Vai qui: https://marcoceresara.com/raccontaci-la-casa-dei-tuoi-sogni/ e lasciami i tuoi dati, ti richiamerò in tempo zero per rispondere a tutte le tue domande

Potrebbero interessarti anche...

WhatsApp Contattaci con Whatsapp